TWISTED SISTER

Hot Love / Tonight

1987 - Atlantic Records

A CURA DI
DAVIDE CILLO
09/10/2020
TEMPO DI LETTURA:
6,5

Introduzione recensione

9 novembre 1985, i Twisted Sister rilasciano il loro quarto capitolo discografico "Come Out and Play", prodotto da Dieter Dierks. Il precedente "Stay Hungry" aveva riscosso successo e reso celebre la band in tutto il mondo, fra l'altro anche con dei giovanissimi Metallica di supporto. Quello fra 1984 e il 1985 è anche il periodo in cui su MTV battono ininterrottamente "We're Not Gonna Take It" e "I Wanna Rock", ed i Twisted Sister incassano milioni di copie vendute. L'uscita di "Come Out and Play", tuttavia, potremmo definirla il momento dell'inizio del lento declino della band. Il quarto album, infatti, pur facendo incassare alla band un disco d'oro, vende solo 500.000 copie, una batosta se paragonata ai numeri della precedente fatica. MTV, fra l'altro, decide di escludere dalle proprie trasmissioni la videoclip di "Be Chrool to Your Schruel", giudicata troppo estrema insieme alle tematiche del brano, suscettibili di poter aizzare i più giovani contro i propri insegnanti. Nel video non trasmesso, fra l'altro, figurano come ospiti personaggi quali Alice Cooper, Brian Setzer, Billy Joel e Clarence Clemons, non gli ultimi arrivati. Il tour si rivela un completo fiasco, alcune date vengono cancellate a causa del basso numero di spettatori, e nemmeno la nuova release di "Under the Blade" ad opera di Atlantic Records sembra aiutare i Twisted Sister a riassestarsi sui propri binari. Alla conclusione del fallimentare giro di concerti, il batterista Pero abbandona la band per tornare nei Cities, la sua originaria band. Viene sostituito dal batterista Joey "Seven" Franco, proveniente dai Good Rats. Il suo soprannome "Seven", fra l'altro, deriva dal fatto che Franco fosse effettivamente il settimo batterista della band. Nel 1986, fra l'altro, il frontman della band Dee Snider prova ad imbarcarsi in un progetto solista con Janick Gers (poi passato agli Iron Maiden) senza alcun successo. E' il 1987, Dee Snider lavora ad un album con Joey Franco alla drum machine, ma l'Atlantic Records si rifiuta di pubblicarlo a meno che non fosse riconosciuto come un album dei Twisted Sister a tutti gli effetti. Il 13 agosto 1987 vede così la luce il quinto album della band "Love Is For Suckers". La produzione ad opera di Beau Hill fornisce al disco un sound alquanto pop metal, i componenti della band rimuovono inoltre i propri makeup indossati sin dai primissimi anni di attività, ed il tutto assume una connotazione più morbida. Il risultato è un fiasco totale, dopo due mesi lo storico cantante del gruppo lascia i Twisted Sister, l'Atlantic Records cancella il contratto e i Twisted Sister nel gennaio 1988 si sciolgono definitivamente. Ad essere protagonisti della recensione odierna sono i brani "Hot Love" e "Tonight", entrambi inclusi in questo album tutto da analizzare e da mettere in discussione. Di "Hot Love", singolo dell'album, vi è anche la videoclip con i Twisted Sister privi di trucco, ma su MTV purtroppo il video non riscuote neanche lontanamente la popolarità rispetto a quanto avvenuto poco più di un paio d'anni addietro. Scioltasi la band, Dee Snider forma immediatamente i Desperado, Ojeda si dedica alla sua attività di insegnante di chitarra e al suo progetto Prisoners of War, J.J. French si dedica all'ambito manageriale, come del resto Mendoza (produttore e manager) dopo un breve periodo nei Blackfoot. Ad essere protagonisti della recensione odierna, tuttavia, sono appunto i due brani "Hot Love" e "Tonight", entrambi parte del commercialmente fallimentare "Love Is For Suckers", quinto capitolo in studio dei Twisted Sister del 1987. Buona lettura e buon ascolto!

Hot Love

Il brano per eccellenza protagonista della recensione odierna si intitola "Hot Love" (Caldo amore), è la canzone di punta dell'album del 1987 nonché il singolo da cui è estrapolata la videoclip. Iniziando ad ascoltare questo pezzo, subito si ha la percezione di quanto tutto profumi di anni '80: drum machine, sound di chitarra ammorbidito, e la voce di Dee Snider che comunque mantiene un approccio rock senza ammorbidirsi al 100%. Persino l'acconciatura della bionda "cavallona" protagonista del video è anni '80 come più non potrebbe essere. Il video e il testo della canzone ruotano interamente intorno alla donna, una formosa donna che strappa via i cuori di tutti i fanciulli, facendogli perdere la testa. Ed è proprio questo che le liriche del pezzo ripetono continuamente: "mi fai impazzire, mi porti via il cuore, mi torni sempre nei pensieri". Nel video, fra l'altro, non mancano stereotipi come una schiera di automobili e la più classica delle scene in cui la donna si piega mentre appunto lava un'automobile, e tutti i componenti della band dietro ad ammirarla. Un misto fra il sessuale e il sentimentale la formula di questo brano che, pur non brillando certo per originalità nemmeno per l'epoca, prova a piazzarsi come hit commerciale con la classica formula "ritornello" targata Twisted Sister. Il ragazzo protagonista del pezzo, ogni qualvolta ammira la donna di cui è innamorato, crede di impazzire, di sprofondare come se i suoi piedi fossero fatti d'argilla. Ma ci sono anche accenni alla carica sessuale, come ad esempio avviene nella frase "sto diventando caldo". Probabilmente, con un lavoro così più morbido, è difficile ritenere mantenuta l'etichetta "metal" per quanto riguarda la musica della band, il brano in certi momenti realmente si avvicina ad approcci di tipo pop. Ad ogni modo, pur rappresentando un flop commerciale per il gruppo, il pezzo non è fra quelli da "evitare" a tutti i costi, fra quelli "insopportabili" da ascoltare e dannosi per il proprio stato di salute. Per gli amanti di questo tipo di sonorità, anzi, un saltuario ascolto di "Hot Love" potrebbe non essere in fin dei conti così poco opportuno. L'abbandono dei makeup per i membri della band, e l'approccio meno metallaro e aggressivo del gruppo, tuttavia, ci portano una storia che racconta di un fallimento.

Tonight

Il secondo ed ultimo pezzo di questo singolo si intitola "Tonight" (Stanotte), e si differenzia di parecchio stilisticamente rispetto al precedente. La canzone, nel disco della band del 1987 "Love is for Suckers", è piazzata alla quinta posizione in scaletta e chiude il Side A. Rispetto ad "Hot Love" il ritmo di questa "Tonight" è più serrato, la base ritmica si fa quasi frammentata, e l'approccio hard and heavy del passato è certamente di maggiore influenza. Se concepito all'interno del singolo, questo brano sembra proprio essere una risposta "più dura" al pezzo precedente. Complessivamente, si tratta di una canzone sin da subito più incisiva e pungente, anche grazie ai cori puntualissimi che costantemente contribuiscono a Dee Snider nel lavoro vocale. Le liriche del brano parlano di una grande "notte", una notte rivoluzionaria e che darà una lezione a tutti gli oppositori: i protagonisti del misfatto? I cattivi ragazzi, i Twisted Sister! Il pezzo parla del perdere il controllo, del deragliare, dell'abbandonarsi alla musica che in effetti, in quanto a capacità di trascinare, non possiede limiti. Un altro elemento di assoluto rilievo di questa "Tonight" è l'eccezionale lavoro di chitarra solista, una chitarra squillante e che in determinati frammenti ci regala del rock puro. Come in tutti i brani dei Twisted Sister, ad ogni modo, il punto di forza è il ritornello, che ripetendosi a più riprese riesce nell'obiettivo di stamparsi nella testa dell'ascoltatore. In effetti, ascoltando un pezzo comunque così valido, aldilà del fatto che io possa o meno essere vicino al genere, è di difficile comprensione come il brano sia stato, con il disco, un assoluto flop commerciale, ma di questo avremo modo di discuterne a breve nella fase conclusiva di recensione. Ciò che conta è che la precedente "Hot Love", ed ancor più questa "Tonight", non danno l'impressione di essere dei flop musicali "assoluti", ma semplicemente brani che non sono stati in grado di inserirsi in un determinato contesto storico e musicale. A differenza di quanto visto per "Hot Love", ad ogni modo, per questo brano non sono state previste videoclip.

Conclusioni

Al netto del nostro ascolto, ripercorriamo l'esito commerciale di quest'album nella parte conclusiva del percorso storico della band: "Love Is for Suckers", l'album in cui questo singolo è contenuto, vede ancor meno copie vendute del precedente "Come Out and Play", che aveva già visto le vendite della band calare a sole 500.000 copie, un disastro rispetto al precedente album "Stay Hungry" del 1984. Il sound del disco è stato ritenuto eccessivamente glam, al punto da dividere i membri dello stesso gruppo, in disaccordo sulla scelta stilistica: i Twisted Sister forse anche per questo attribuiscono parte della colpa alla propria etichetta discografica, rea di aver insistito per far sì che l'album uscisse come lavoro dei Twisted Sister, e non come lavoro individuale di Dee Snider, cantante della band che l'aveva interamente concepito. Il tour dura solamente un mese, si conclude in Minnesota il 10 ottobre 1987, e due giorni dopo il cantante Dee Snider annuncia il suo addio alla band. La critica, subito dopo l'uscita dell'album, è divisa: c'è chi ne parla bene, come Billboard, che afferma quanto "Love Is for Suckers" sia un disco "dannatamente buono", c'è chi invece parla di "band in declino", come il The Boston Globe. Qualche anno più tardi lo scioglimento del gruppo, l'Atlantic Records rilascia una compilation di greatest hits intitolata "Big Hits and Nasty Cuts", ma nessuna traccia dell'album ne entra a far parte. Nonostante tutto, il cantante del gruppo ha sempre affermato di apprezzare vocalmente le tracce del disco, ribadendo anche in un'intervista del 2009 di apprezzare "Love Is for Suckers", un album che è stato un fallimento unicamente a causa della loro etichetta discografica, che ha stupidamente insistito per far rilasciare il disco come lavoro dei Twisted Sister. Andiamo però più nello specifico parlando di "Hot Love", il singolo intorno a cui ruota questa recensione. Il brano è scritto da Dee Snider, produzione ad opera di Beau Hill. Il pezzo si posiziona al 31° posto nella classifica rock Billboard statunitense. "Hot Love" viene rilasciata negli Stati Uniti, Giappone, Spagna, Australia e Germania. Il Side B, "Tonight", è estrapolato dal disco. Il video musicale è diretto da Jon Small, ottenendo su MTV un successo non superiore alla media. Sul brano "Hot Love", la rivista Cash Box dice che, anche se batteria e chitarra sono estremamente potenti, il tutto è messo al servizio di un brano palesemente pop. Anche per Billboard, che come detto comunque apprezza il disco, con il singolo "la band si fa ben più commerciale". Per Chicago Tribune "Hot Love" è addirittura il miglior brano dei Twisted Sister da "We're Not Gonna Take It", mentre per Washington Post "si tratta di un palese tentativo da parte della band di entrare nel mercato mainstream". Personalmente, per quanto questo tipo di sonorità possa essere anni luce distante da ciò che solitamente ascolto, ritengo "Hot Love" un brano a suo modo valido e, dopotutto, ritengo che i Twisted siano sempre stati una band incentrata su ritornelli orecchiabili e a loro modo commerciali, la differenza rispetto al passato dunque mi sembra, seppur evidente, non così catastrofica: alla fine, è la qualità della melodia ciò che conta in una band di questo tipo. Il pezzo, che pur non mi riandrei mai ad ascoltare, non mi è sembrato così negativo, e ritengo che il fallimento di "Hot Love / Tonight" sia più dovuto a fattori di carattere storico e relativi al mercato della musica, che al fatto che il pezzo fosse un disastro in sé. Non posso dunque che dare un voto comunque sufficiente a questo lavoro, che dal mio punto di vista si porta a casa un 6,5.

1) Hot Love
2) Tonight
correlati