KATATONIA

Viva Emptiness

2003 - Peaceville Records

A CURA DI
YADER
11/02/2011
TEMPO DI LETTURA:
10

Recensione

Voglio mandarvi una cartolina in bianco e nero da Stoccolma ( Svezia ) per essere sicuro che anche voi riusciate a ricevere questo grande album che ci regalavano i KATATONIA nel 2003. Prima di entrare nel meraviglioso abisso malinconico di "Viva Emptiness" uscito il 24 marzo 2003 per la label Peaceville e distribuito Audioglobe, diamo uno sguardo su questa meravigliosa band e al suo percorso di malinconia, che ha saputo farci trovare una dimensione che un po mancava nella nostra grande famiglia del Metallo. Il gruppo prende vita dal carismatico Jonas Renkse storico frontman della band, da prima conosciuto come Lord Seth e da Anders Nystrom conosciuto come Blakkheim. I nostri due chitarristi cominciano a plasmare il loro metallo con sonorità Doom/Death Metal ( se vi può interessare vi consiglio di sentire il loro primo lavoro "Dance of Decembre Souls"). La nostra anima nera e malinconica prende forma il 27 aprile con "Discouraged Ones", qui la musica Dark Rock cominciava a farsi viva e i nostri a farci intuire le loro intenzioni... cioè di evolversi maestosamente. Sentitevi "Tonight's Decision" e "Last Fair Deal Gone Down" per prendere parte alla grande crescita che stava subendo la nostra malinconica nera giornata di pioggia chiamata KATATONIA. Ma il vero passo da gigante arriva con il loro seguente album, il già sopra citato "Viva Emptiness". Bene...direi di rendere un po più veloce la nostra sintesi, ricordandovi che la loro discografia conta 3 Demo, 7 EP, 8 Album, 1 Live, 2 Best. Ora è giunto il momento di leggere la cartolina che ho deciso di mandarvi da Stoccolma, sperando che le mie parole riescano a farvi capire uno dei migliori album in senso assoluto del 2003...che paragonerei agli OPETH.. ma solo per la sua impossibile catalogazione e anche perché suona unico e maledettamente bello!!! Direi che si può considerare un abisso oscuro ma con ottimi spiragli di luce. Il nostro album viene registrato a OREBRO, con il supporto del rinomato produttore e loro caro amico Dan Swano ( e anche Mastermind di Edge Of Sanity e Nightingale). Io mi devo inchinare e dire che la scelta di Jonas Renkes e Ander Nystrom è stata giusta...loro, hanno deciso di curare nei minimi dettagli la produzione in modo oserei dire maniacale...si vede che i due avevano le idee ben chiare, cioè di creare un capolavoro buio e malinconico. Non che non si fidassero dei loro soci, ma la scelta di essere solo loro due a curare la produzione è stata azzeccata. Anche il lavoro fatto sulle chitarre e da 10+++, ci sono parti Heavy che si contrappongono a parti più melodiche che a volte sfociano nel POP. In tutti il Full-length si sente uno stato umorale triste. Ricorco alcune parole di Jonas in un'intervista dove diceva: "i Katatonia sono la nostra valvola di sfogo e ci consentono di esprimere la negatività che c'è nella nostra vita". Io aggiungerei che questa e una di quelle band che ha sempre saputo curare molto la parte dei testi, infatti il buon Jonas parla spesso di cose personali, ma mai esagerando con l'introspezione e riuscendo a non stufare...ti prende per mano conducendoti nella sua visione direi autunnale. Mi colpi una sua frase: " non voglio apparire una persona costantemente depressa semplicemente quando sono contento, non mi viene spontaneo scrivere testi che rispecchino il mio stato d'animo, forse perché quando sono allegro mi piace godermi quel momento e non pensare ad altro". Ora, direi di parlare un po della struttura di questo nostro film in bianco e nero. Qui troverete sonorità ruvide, sfacciate, dirette e anche un po spigolose, le chitarre vi faranno a pezzi...con una potenza incisiva e chirurgica. Il loro grigio umore vi sarà sputato in faccia in presa diretta ahahahahah!!! Vi consiglio di sentire bene la track che vi propongo "Ghost of The Sun", troverete un riff che vi stordirà con parentesi melodiche che rendono questo pezzo una della cose più belle che si potevano sentire nel 2003...e oserei dire anche negli anni a venire. Molto bella la malinconica Criminals che non riuscirete più a levarvi dal cervello. Ogni track meriterebbe un commento...ma sono sicuro che se sarete capaci di seguire il mio consiglio, vi troverete travolti in un viaggio di 52 minuti di pura malinconia...ma di una bellezza che vi farà dire...si...cazzo oggi voglio vedere grigio e farmi travolgere dal nero volere dei KATATONIA. Non voglio sembrarvi presuntuoso ma qui, ci troviamo di fronte a quello che si può definire senza paura arte, e quando avrete terminato il primo ascolto vorrete nuovamente farvi sporcare dalla grigia e nera nebbia di "Viva Emptiness". 10 è il minimo per un lavoro come questo, che non invecchierà mai e che ogni metallaro dovrebbe avere nella sua personale collezione. Ora vi lascio sprofondare dolcemente sul letto della vostra stanza...e...lasciatevi avvolgere e prendere da questo piacevole BUIO!!!


1) Ghost of the Sun
2) Sleeper
3) Criminals
4) A Premonition
5) Will I Arrive
6) Burn the Remembrance
7) Wealth
8) One Year from Now
9) Walking by a Wire
10) Complicity
11) Evidence
12) Omerta
13) Inside the City of Glass