EIDOLON

Nightmare World

2000 - Metal Blade Records

A CURA DI
PAOLO FACCHINELLO
31/12/2012
TEMPO DI LETTURA:
8

Recensione

L'inizio del nuovo millennio segna il ritorno sulle scene dei canadesi EIDOLON artefici della pubblicazione del terzo capitolo discografico della loro carriera intitolato NIGHTMARE WORLD. Rifocillati dall'abbuffata di consentimenti ottenuti dal precedente Seven Spirits del 1997, (album che fece gridare al miracolo da più di qualche addetto ai lavori lanciando così gli EIDOLON nel cosiddetto calderone di band denominate "The Next Big Thing") i fratelli Drover annunciano l'uscita nel 2000 di un nuovo full lenght per agitare ancor di più le acque nel panorama metallico internazionale. Per questo disco gli EIDOLON vogliono alzare l'asticella per quanto riguarda il livello di tecnica del loro proponimento musicale e dunque affilano bene gli strumenti e si rifugiano negli studi di registrazione.  Il risultato di tali prove viene registrato in pochi mesi e da questo processo compositivo viene scelto all'unanimità il titolo da assegnare al nuovo full lenght: NIGHTMARE WORLD. NIGHTMARE WORLD viene così consegnato alle stampe nel luglio 2000. Il disco, uscito per la Metal Blade Records, si compone di 9 furenti tracks. Andiamo subito ad analizzarlo nei particolari. Ad aprire le danze c'è subito la title track, posta all'inizio del cd come apripista. L'intro roboante con dei riff di chitarra davvero granitici suonati a bomba da Drover lanciano di soprassalto il pezzo in territori a tinte heavy-thrash, con interludio vocale ben coordinato da Soulard. Un inizio col botto! Si prosegue con la 2^track, Noctem Aeternus (Eternal Night), che inizia con degli arpeggi chitarristici molto armonici e sognanti di Drover, ma che piano piano si tramutano in riff poderosi che si addensano in una spirale magniloquente di decibel con intermezzo cantato in modo deciso da Soulard. Altro brano pregiato! La 3^track, Lunar Mission, è una song aperta da un inserimento di chitarra acustica con un'atmosfera in sottofondo molto estatica che lascia spazio a chitarre ruggenti dove si infiltra a pennello la voce di un impavido Soulard che ci descrive nel testo un ipotetico viaggio nello spazio come pretesto per la ricerca di un nuovo orizzonte di vita  ("View a venera probe.... Our destination now in sight... Is there existence... Beneath the stars eternal light... Lunar mission... To find a new beginning... Lunar mission... To find a new existence"). Eye Of Illusion, 4^track, è sicuramente una delle canzoni più furenti del disco. L'intro pulsante con riffoni di chitarra suonati in maniera stratosferica da un indiavolato Drover si amalgamano alla prestanza vocale di Soulard, che nelle strofe esprime il suo malcontento in un mondo dove regna il conformismo e il caos più totale, una situazione disperata che non lascia la minima speranza per nessuna via d'uscita ("The hope to live in a victimless world.... Do you see through the eye of illusion.... A constant battle to weather the storm.... A state of pernicious confusion... Persistence values the will to achieve... The pressures of segregation.. Resistance is fading away... Did it have to end this way... Communication - the fear of rejection... Reclusive action - you're fading away... Cannot distinguish what's right from what's wrong... Repressing feelings - your mind's not that strong... Premeditation for those who betrayed... Your judgment will not be denied..."). La successiva Repulsion, 5^track, procede più adagio con riff molto graffianti e monolitici, e si estende con dei passaggi solistici molto netti e marcati resi alla perfezione da un ispirato Drover anche qui davvero in palla.  La 6^track, Majestic Interlude, è un pezzo totalmente strumentale suonato con sola chitarra acustica da Glen Drover. Oltre 3 minuti di magia con accordi che rimandano alla musica classica dei grandi maestri della Musica Barocca Rinascimentale. Una perla rara di lucente splendore! Arriviamo alla 7^track, Fortress Of Red, song che ritorna sui connotati stilistici della title track ma con una variante che riguarda i pattern ritmici di chitarra. Per il resto brano pestato dal battito in doppia cassa da uno sgargiante Shawn Drover che si mette in bella mostra con assistenza a più riprese dei vocalizzi squillanti di Soulard. Intenso! La penultima track, Glorified Suicide, è un pezzo molto tirato che si aggancia sui vertici stilistici del thrash più limpido e puro degli anni 80. Ottimo lavoro della sezione ritmica che anche qui si adatta perfettamente alle sventagliate rutilanti della coppia Drover-Soulard. A concludere il disco c'è Dreamscape, una brano che pare più una lunga suite complessa e intricata che si sviluppa in diversi episodi partendo inizalmente da una base calma e graduale di basso e chitarra per poi esplodere con potenti riff e assoli al fulmicotone che strizzano l'occhio ai Mercyful Fate e agli Slayer degli anni migliori. Prestazione eccelsa da tutto il nucleo strumentale che eleva il livello corale dei singoli musicisti con il risultato di un grande brano che rimarrà fisso negli almanacchi del metal.  Giunti alla fine viene subito naturale fare delle considerazioni. Senza alcun dubbio questo lavoro innalza gli EIDOLON a protagonisti di prima classe dell'heavy metal internazionale. Tutto ciò è reso possibile dalle qualità eccezionali dei singoli (Glen Drover su tutti) e dalla padronanza di proporre un'operazione degna dei migliori specialisti del settore. Ecco dunque che gli EIDOLON diventano dei veri e propri chirurghi in grado di compiere un'azione di insieme da veri primatisti. NIGHTMARE WORLD consegna alla storia gli EIDOLON che qualche tempo dopo sull'onda dell'entusiasmo ripeteranno l'impresa con Hallowed Apparition; gloria e onore ai fratelli Drover, grandi artefici di un vero e proprio ensemble di musicisti con la M maiuscola. Se non avete questo cd, l'acquisto è più che mai un passaggio obbligato. Non ve ne pentirete!


1) Nightmare World
2) Noctem Aeternus (Eternal Night)
3) Lunar Mission
4) Eye of Illusion
5) Repulsion
6) Majestic Interlude
7) Fortress of Red
8) Glorified Suicide
9) Dreamscape

correlati