SOFISTICATOR

A CURA DI R&MIMB

09/08/2012

Arrivati quest'anno al debutto discografico su EBM Records con il selvaggio "Camping the vein", i Sofisticator sono già una piccola istituzione della scena heavy metal nazionale, grazie ad un' attitudine senza compromessi che va oltre la goliardia dei testi; scopriamo qualcosa di più su di loro attraverso le parole del chitarrista e fondatore Popi, un musicista con molte cose da dire e insospettabile estimatore dei...Gentle Giant!!

R&MIMB: Ciao Popi! Malgrado stiate sorgendo gagliardi e con successo dall'underground, la prima domanda è d'obbligo: ti va di introdurre i Sofisticator, la vostra storia, ai lettori che ancora non vi conoscono?
Popi: Anzitutto ciao Alle e grazie per lo spazio che ci dedicate! Siamo nati una sera, non mi ricordo esattamente se verso la fine del 2008 o inizio del 2009, con Disossator (cantante della band, n.d.a.) insieme alla prima incarnazione del gruppo composta da Cosimo (batteria) e Panca (basso), dopo svariate volte che ci vedevamo e ci sbronzavamo assieme nei vari locali di zona Firenze e Prato, tra le varie "bischerate" che dicevamo da sbronzi è venuta l'idea del gruppo che all'epoca nessuno di noi quattro aveva preso sul serio, era soltanto una stronzata così per ridere; io personalmente all'epoca avevo un'altro gruppo i Deconstruction, Disossator non aveva mai cantato in vita sua, Cosimo aveva suonato la batteria solo qualche volta a livello molto amatoriale e Panca non aveva mai toccato un basso in vita sua, quindi iniziare un progetto con questi presupposti non sarebbe stato semplice, come poi infatti si è rivelato. Nel frattempo, nei primi mesi del 2009 se non ricordo male, Disossator fece il primo myspace dei Sofisticator senza musica e con soltanto le foto di noi quattro a fare i coglioni e qualche altra stronzata (su tutte il logo del Thrash & Clean che imita quello della Fresh & Clean). Il riscontro è stato tale che ben presto ci siamo resi conto che la cosa incuriosiva molto la gente e alla fine, inverosimilmente, nel Settembre del 2009 abbiamo fatto le prove per la prima volta e già li nacque la prima versione di Sofisticator; presi un pò dall'entusiasmo e un pò dal fatto che da parte mia l'attività nei Deconstruction andava scemando, abbiamo deciso piano, piano di andare avanti fino ad oggi, e dopo una serie di cambi di line-up siamo finalmente riusciti a dare alla luce il nostro primo album.
Ricordo tra l'altro che Disossator e Panca erano in ballottaggio su chi dei due avrebbe dovuto cantare e chi suonare il basso, la decisione poi fu presa a testa o croce, o roba del genere.


R&MIMB: Tu sei uno dei fondatori del gruppo, dopo vari cambi di formazione credi che la line up attuale abbia finalmente raggiunto una maggiore coesione ed unione di intenti?
Popi: Penso e spero di si, certo non è cosi semplice organizzarsi, purtroppo io per primo lavoro a 130 Km da Firenze, Disossator abita a 30 minuti di macchina e Ripper invece abita in provincia di Arezzo a circa un'ora di macchina da Firenze, per cui talvolta possono nascere problemi organizzativi dovuti alla distanza di 3/5 del gruppo, però, al di la di questo, c'è molta voglia di fare e di divertirsi. Per adesso andiamo avanti cosi senza grossi pensieri e poi vedremo cosa porterà il futuro.

R&MIMB: Essendo "Camping the vein" il vostro primo cd, immagino che i brani che lo compongono fossero stati ormai ampiamente rodati in sede live; state già componendo per un prossimo album? Dobbiamo aspettarci qualche novità?
Popi: Assolutamente no! La formazione attuale che ha registrato l'album era stata consolidata soltanto da Febbraio 2011 e già a Luglio, con soltanto due prove live all'attivo ma con un enorme lavoro in sala, soprattutto per Ripper che è l'ultimo arrivato, siamo entrati in studio. La registrazione ha preso diverso tempo poiché dovevamo conciliare gli impegni lavorativi che talvolta non si sono incastrati con quelli dello studio di registrazione, poi ferie e cazzi vari abbiamo finito di registrare solo a Settembre; ancora più tempo lo abbiamo impiegato poi nel mixaggio e nel mastering poichè volevamo essere tutti e cinque convinti al 100% che il disco suonasse come volevamo noi, e abbiamo finto il tutto solo a Novembre inoltrato. Il passo successivo è stato cercare un contratto discografico che è arrivato a Gennaio 2012 con EBM records che ha poi pubblicato l'album a Marzo di quest'anno. Nel frattempo abbiamo continuato a comporre e ad oggi abbiamo già pronto grosso modo il 90% del nuovo album e contiamo di rientrare in studio entro la fine di Ottobre. Novità? Diciamo che il nuovo album sarà un po più articolato e ambizioso a livello musicale rispetto a "Camping The Vein", ma sempre con le stesse linee guida thrash metal old school e sarà un concept album, mi riservo dal fornire ulteriori dettagli che chi vorrà vedrà e sentirà a lavoro ultimato.

R&MIMB: Data la vostra predilezione per le cibarie assortite, facciamo un gioco, io ti cito delle band e tu mi dici che pietanza rappresentano nella "dieta" dei Sofisticator: Sodom, Venom, Overkill, Motorhead, Bryan Adams.
Popi: Ahahahah, allora vediamo un po': ai Sodom associo un bel piatto di spaghetti all'amatriciana poiche rappresentano sicuramente una base musicale molto ricorrente nel nostro sound, ai Venom una bella bistecca fiorentina, imprescindibili nella nostra dieta perché, oltre all'enorme influenza sulle nostre linee vocali, l'altra componente fondamentale nel quale ci rispecchiamo coi Venom è l'attitudine votata al caos, sicuramente i Venom sono tra le nostre influenze più importanti. Per gli Overkill direi una parmigiana di melanzane, buonissima ma che se ne mangi un boccone in più appesantisce, personalmente adoro gli Overkill ma credo che nell'economia del gruppo siano molto influenti solo i loro primissimi lavori. Ai Motorhead invece associo una bella pizza capricciosa perché è un classico della nostra cucina e da sola può sfamare per un'intero pasto, nei Motorhead sono presenti tutti gli elementi fondamentali per l'economia musicale di ogni gruppo metal old school che si rispetti. A Bryan Adams assocerei invece un bel piatto di zucchine lesse che fanno tanto bene ma non piacciono a nessuno, e ovviamente non rientra in alcun modo tra le nostre influenze musicali.

R&MIMB: La vostra attitudine è 100% metal senza compromessi, ma se per assurdo potessi essere un'artista al di fuori dell'ambito metal, chi sceglieresti e perché?
Popi: Beh ci sono tantissimi gruppi non metal che adoro a partire dal rock progressivo degli anni '70, il blues, il jazz, se proprio devo sceglierne uno direi Derek Shulman dei Gentle Giant, per l'immensa l'ammirazione che ho per questo gruppo tra i miei preferiti di sempre; avevano un modo di esprimersi veramente unico e irripetibile. Non credo esisteranno mai più gruppi che si avvicinino anche solo lontanamente alla loro espressività musicale e alla loro grandezza purtroppo. (parole sante, n.d.a.)

R&MIMB: Cosa pensi conferisca al thrash metal quel senso di eterna giovinezza rispetto ad altre forme di rock duro? Forse la freschezza della matrice punk-hardcore, oppure qualcos'altro?
Popi: Non credo sia affatto vero che il thrash abbia sempre quel senso di eterna giovinezza anche rispetto agli altri generi di rock duro. Sicuramente la matrice punk-hardcore è molto importante, ma anche i contenuti delle liriche che spesso rispecchiano l'attualità (anche se non è certo il caso dei Sofisticator), ed in termini musicali la parte ritmica, l'incedere e la velocità, ma soprattutto la creazione della dinamica tra batteria, basso e chitarre sono sicuramente elementi molto giovanili e fondamentali in ogni gruppo thrash. Se un gruppo thrash metal perde la dinamica nelle canzoni perde tutto, il che è una caratteristica abbastanza diffusa tra buona parte dei gruppi thrash che si riformano dopo anni di inattività dando vita ad album scialbi ed inutili. L'altra componente fondamentale non musicale è l'attitudine ed il modo di stare sul palco, se musicalmente sei perfetto ma sul palco sei una sorta di manichino il live diventa noioso. Purtroppo oggi ce ne sono svariati di gruppi thrash che rientrano nelle ultime due categorie, e secondo me non risultano affatto avere quel senso di eterna giovinezza sopra citato.

R&MIMB: Qual'è il tuo rapporto con i supporti musicali? Sei anche tu un cultore della tradizione di vinile e cd, o pensi che anche gli mp3 abbiano una loro dignità?
Popi: Sicuramente gli mp3 danno la possibilità di ascoltare musica a molte persone, rapidamente e anche a prezzo zero, però credo che ci sia la stessa differenza (tanto per tornare alla cucina), tra mangiare in un fast food ed in un ristorante tipico; l'mp3 non ti darà mai le sensazioni di un vinile o di un CD (che già è un'altra cosa), l'approccio fisico di prendere e leggere il libretto del CD, oppure aprire un vinile e sentire l'odore della carta, credo che sia ben diverso dal semplice premere play su un lettore mp3. L'altro fattore è quello audio, ma parlo solo per album datati, produzioni che io stesso credevo scadenti poiché ascoltate su CD o mp3, ma riascoltandole in vinile sono migliorate esponenzialmente. A volta fa bene diffidare dei re-master.

R&MIMB: Se ti proponessero l'opportunità di un tour Europeo da headliner e di scegliere due gruppi italiani da portare con voi, chi sceglieresti e perchè?
Popi: Uno sicuramente sarebbero i Violentor, oltre che per la proposta musicale anche per l'amicizia che abbiamo con loro, se non li conoscete ve li consiglio caldamente soprattutto in sede live. L'altro gruppo non saprei perché ce ne sono vari di molto validi e buoni amici allo stesso tempo; potrebbero essere gli Explorer, o i Terror Saw, o i Paraxite, o i Plague Angel, diciamo gli Explorer anche se la scelta tra questi quattro è davvero dura, quattro ottime band dell'attuale panorama italiano.

R&MIMB: Arriviamo quindi a una questione che ci sta molto a cuore, visto che l'unione fa la forza, come sono i vostri rapporti con le altre entità del panorama heavy metal nazionale? E più in generale, senza peli sulla lingua, un tuo giudizio sull'attitudine dei protagonisti della nuova scena italiana.
Popi: In generale sono molto buoni. Con alcuni gruppi siamo davvero molto amici, con altri solo conoscenti, per adesso non abbiamo mai avuto problemi con nessuno, nell'underground si cerca di venirsi incontro; io personalmente, ma anche gli altri del gruppo, quando abbiamo avuto delle critiche da fare ad altri gruppi, non ci siamo mai tirati indietro e siamo sempre stati sinceri con tutti, proprio per stimolare anche gli altri a dare il massimo e creare una scena che abbia veramente le palle, non mi risulta che nessuno si sia mai offeso dei nostri giudizi, anche perché se ne diamo, lo facciamo sempre con cognizione di causa.

R&MIMB: Per i tanti ragazzini che amano l'heavy metal e sognano di avere una propria band, con l'esperienza della tua storia, metti sui piatti della bilancia i sacrifici, la passione e le soddisfazioni di una vita dedicata all'amore per la musica.
Popi: Beh sicuramente le difficoltà sono tante, tutto dipende da quanta passione veramente si ha e da quanto si senta dentro la voglia di esprimersi; per chi lo considera solo un passatempo, le difficoltà della vita (lavoro, situazioni sentimentali ecc.), spesso fanno in modo che si lasci l'attività musicale, ma se la passione è vera e profonda, ogni eventuale sacrificio risulta la cosa più naturale da fare. Non è certo facile trovare persone che abbiano la giusta sensibilità e voglia di fare, l'importante, se si crede davvero, è non darsi per vinti e perseverare; personalmente quando suono davanti a persone che cantano, pogano e si dannano sulle mie canzoni, l'emozione che ricevo è esattamente il carburante che mi da la forza di proseguire e gli stimoli per migliorare, provare per credere.

R&MIMB: Peggio un mondo senza thrash metal, o senza birra e fagioli?
Popi: Aahahahahahahah credo in entrambe i casi sarebbe un mondo ancora più di merda.

R&MIMB: Dacci qualche ragguaglio sui vostri prossimi impegni sul fronte live!
Popi: Non abbiamo molti live in programma proprio perché come ho accennato prima contiamo di entrare di nuovo in studio entro la fine di Ottobre, quindi: Headcrusher Fest 8 Settembre Scandicci (FI), festival organizzato direttamente da noi Sofisticator nella suggestiva location denominata appunto Villa Sofisticator, 100% open air, free camping e bevute low cost, delirio assicurato, 6 gruppi oltre a noi: Violentor, Death Mechaism, Plague Angel, Sulfur ed Ostaria Nera, non mancate!! Poi saremo il 25 Novembre al Blue Rose Saloon di Bresso (MI), ed il 1 Dicembre al Garage Club a Calenzano (FI).

R&MIMB: Grazie mille Popi, c'è ancora lo spazio per un saluto ai lettori di R&MIMB!
Popi: Grazie a tutti per l'attenzione, se volete seguiteci sulla nostra pagina Facebook : https://www.facebook.com/Sofisticator
e sul nostro myspace : http://www.myspace.com/sofisticator80
Grazie ancora a tutti! Shit in your brains!!!

Alle Royale