SUICIDAL ANGELS

Dead Again

2010 - NoiseArt Records

A CURA DI
LUIGI TIZZANI
10/04/2011
TEMPO DI LETTURA:
6

Recensione

Personalmente,non avevo mai avuto modo di ascoltare i greci"SUICIDAL ANGELS",anche se ne avevo sentito parlare,in termini positivi del loro thrash vigoroso sebbene non particolarmente originale dal mio collega Maurizio che li aveva visti,in occasione delle loro data di supporto ai ben piu' noti"DEATH ANGEL",il giorno prima...Quindi,mi accingo ad assistere alla loro data romana,con le idee un pelo piu' chiare..Ho avuto anche la fortuna(?)di poter scambiare qualche chiacchiera con il leader della band il cantante chitarrista Nick Melissourgos,,scoprendo come la band nutra un sincera ammirazione per band come Slayer o Kreator,facilmente rintracciabile nei loro lavori;che nonostante la loro giovane età,sono in pista da ormai 10 anni,facendo un lunga gavetta che li ha portati ad aprire i concerti di band come i connazionali Rotting Christ nel 2007,di come siano riusciti a guadagnare un deal con la prestigiosa Nuclear Blast,con cuì hanno inciso un lavoro nel 2009,grazie alla vittoria del Rock The Nation Award, ed infine di quanto siano soddisfatti della della loro etichetta attuale,la teutonica"NoiseArt",che gli ha messo ha disposizione un budget ottimale per registrazione e promozione del loro ultimo lavoro,targato 2010 dal titolo"Dead Again"(di cui per inciso,ho"guadagnato"una copia autografata..!)che può addirittura fregiarsi sulla cover di copertina dell'opera del celeberrimo Edward Repka,noto ai nostri lettori per i suoi vi con i Megadeth!La band che oltre al già citato Nick,vede alla seconda chitarra Panos Spanos;alle pelli Orpheas Tzortzopulos ed al basso Angelos Kritsotatis,hanno,nei circa 50 minuti a loro concessi nella data romana di supporto alla band di Mark Osegueda,dato una prova davvero convincente,dimostrando di saper tenere il palco con molta dimestichezza,interagendo con il pubblico,con il loro thrash molto vigoroso,dimostrando anche una buona perizia strumentale,sebbene,ripeto il loro maggior difetto può essere individuato nella poca originalità delle composizioni,nonostante questo neo,la band ha sfornato una manciata di song che sono riuscite a coinvolgere il pubblico e me in maniera assai piacevole...Mi è sembrato di fare un salto nel tempo di una quindicina d'anni,dove riecheggiavano echi del buon vecchio thrash di scuola tedesca,con buone dosi di Slayer e Onslaught .Il loro"DEAD AGAIN",prodotto negli studi tedeschi Prophecy End Music Factory,prodotto dal loro connazionale R.D.Liapakis,editato nel 2010 è il prodotto ideale per chi,come già dicevo,ha voglia di ascoltare una scarica di thrash old style,fatta di 12 traccie,tutte della durata media di 3 o 4 minuti,molto omegenee tra loro dove non mancano le buone idee come nella iniziale"REBORN IN VIOLENCE"che,preceduta da un breve intro acustico strumentale,mostra come i nostri sappiano pestare duro e veloce,con un buon senso della melodia,mentre il guitar work viaggia a velocità spedite..BLEEDING HOLOCAUST,con la sua semplicità vi conquisterà,mentre THE TRIAL con i suoi continui stop&ripartenze,cerca di variare un po' il ritmo dell'album,risultando assolutamente coinvolgente,sopratutto in fase live..VICTIMIZED con il suo refrain ruffiano,vi conquisterà subito,al pari di LIES OF RESURRECTION,che mostra qualche intenzione di discostarsi parzialmente del collaudato schema riff/ritornello/riff..SEARCH OF RECREATION,con il suo riff iniziale,ti fa venire in mente i PANTERA di Cowboy from Hell,per poi proseguire in maniera canonicamente thrash,mentre la song che dà il titolo all'album,paradossalmente,non mi ha impressionato piu' di tanto..così come FINAL DAWN,la traccia finale..Trattasi di un lavoro dedicato a chi ama un certo tipo di sonorità,"nostalgiche"che paradossalmente i gruppi che le hanno inventate,non propongono piu'...Se cercate questo,i SUICIDAL ANGELS saranno sicuramente di vostro gradimento,poichè se è pur vero che si ispirano a nomi noti,lo fanno con passione e perizia..Altrimenti,passate oltre!A me,comunque sono piaciuti,quindi se nella remota ipotesi che vi avanzasse qualche euro,procuratevi questo lavoro,vi ripagherà con una discreta dose di adrenalina..


1) Damnation  
2) Reborn in Violence 
3) Bleeding Holocaust 
4) The Trial
5) Suicide Solution
6) Beggar of Scorn
7) Victimized 
8) Violent Abuse
9) The Lies of Resurrection
10) Search for Recreation
11) Dead Again
12) Final Dawn

correlati