SILVIA MAZZOLENI

INTERVISTA

A CURA DI R&MIMB

18/05/2015

Sempre mossa da una grande passione per il disegno, Silvia ha avuto modo di affinare le sue tecniche frequentando dapprima la Scuola d'Arte "A. Fantoni" di Bergamo e subito dopo l'Accademia delle Belle Arti di Brera, a Milano. Dedicatasi dunque alla pittura, entra in contatto con il mondo dei tatuaggi e decide di apprenderne l'arte ed i segreti, sino a giungere all'inaugurazione del suo studio, lo "031 Tattoo Shop". Citando le sue stesse parole, è così che la nostra intervistata definisce il suo mondo: "L'Arte dei Tatuaggi va apprezzata, va amata, va capita.. e non c'è giorno che non si impari qualcosa. Questo lavoro, nonché passione, mi dà l'opportunità di poter dare il meglio di me, di creare, di tenere la mente sempre in movimento.."

R&MIMB: Quando sei entrata in contatto, per la prima volta, con questo mondo?
Silvia Mazzoleni: Penso di aver avuto più o meno 15 anni.. un'amica s'era fatta tatuare un fatina in bianco e nero sulla spalla, era la mia prima volta in uno studio di tatuaggi; da quel giorno ho perso la testa!! E cercavo di convincere mio padre a lasciarmi approcciare a quell'arte, soprattutto di lasciarmi fare il primo tatuaggio.. ma gli sforzi son stati vani.

R&MIMB: L'arte del tattoo è purtroppo vista, molto spesso, con occhi pregiudizievoli. Cosa ti senti di dire a chi tende a demonizzare il tuo mondo?
Silvia Mazzoleni: Forse agli inizi.. chi era tatuato era visto o come un delinquente o come un drogato, oggi le cose sono cambiate. Ormai tutti si fanno i tatuaggi, persino la nonna di 60 anni viene a scriversi il nome del nipotino!

R&MIMB: Ti è mai capitato di dover coprire tatuaggi fatti con il metodo casereccio a base di ago e china? Su internet esistono delle vere e proprie guide per imparare a farli. Cosa ne pensi?
Silvia Mazzoleni: Mi è capitato di coprire tatuaggi fatti con ago e china, ma anche tanti tatuaggi fatti in studi in regola, purtroppo! internet a volte è utile, altre volte è un disastro, sopratutto per ciò che riguarda il nostro lavoro; ormai è troppo facile trovare materiali scadenti e manuali per tatuare, che non servono a niente! Bisogna far gavetta, imparare dalle persone che fanno questo lavoro da un sacco di anni e che hanno l'esperienza giusta! Secondo me servirebbero scuole, accademie con corsi di 2 / 3 anni, con indirizzo tatuaggi, per riuscire a formare persone in gamba capaci di eseguire al meglio quest'arte. Personalmente non credo a tutti quei corsi di formazione di 30/40 ore o di 1 mese usciti in questi ultimi 2 anni.

R&MIMB: Ogni tatuatore ha un suo punto di forza. Qual' è lo stile (soggetti, motivi ecc.) per il quale ti senti più portata?
Silvia Mazzoleni: Mi affascinano tanto i colori. Il mio mondo è molto colorato, e adoro fare tattoo in stile cartoon o watercolor, divertenti e dalle forme morbide.

R&MIMB: Viceversa, quale tipo di stile che proprio non riesci a sentire tuo?
Silvia Mazzoleni: Credo tutto ciò che riguarda tatuaggi polinesiani, maori, marchesiani.. è un genere che non riesco a farmi piacere, come il traditional con 3 colori, sfumature grattate e linee spessissime.. non mi appartengono proprio!

R&MIMB: Quale correlazione dai alla musica nel contesto del lavoro che svolgi, è solo un sottofondo per intrattenere i clienti dello studio o è frutto di scelte mirate ?
Silvia Mazzoleni: E' un accompagnamento al lavoro, senza musica non riuscirei a stare.. dalla musica puoi trarre molta ispirazione e soprattutto serve a darti la carica e a volte la tranquillità di cui si ha bisogno.

R&MIMB: La musica che ascolti ha influenzato il tuo stile o hai seguito un percorso artistico indipendentemente da quello che proponi
Silvia Mazzoleni: No, la musica non influenza affatto il mio stile.. posso ascoltare un pezzo degli Slipknot mentre sto facendo un tatuaggio cartoon!

R&MIMB: Come vedi l'arte del tatuaggio in correlazione col mondo della musica Rock, anni addietro erano pochi i musicisti che sfoggiavano tatuaggi, e solo negli ultimi vent'anni questa cosa ha preso piede.
Silvia Mazzoleni: Secondo me, un tempo, chi si tatuava lo faceva per imprimersi esperienze e ricordi.. adesso i nuovi musicisti sono tutti tatuati quasi fosse un modo per farsi ricordare dagli altri, per far parlare di sé soprattutto per creare un personaggio.

R&MIMB: Oltre a tatuare suoni qualche strumento e, in caso di risposta affermativa, quale genere suoni
Silvia Mazzoleni: "Suonare" è una parola grossa, ma da alcuni mesi ho iniziato ad avvicinarmi alla batteria. Ho sempre avuto una passione smisurata per questo strumento. Vado sempre a lezione, sono molto diligente! Spero di riuscir presto a suonare un pezzo, ovviamente Rock!

R&MIMB: Hai mai tatuato personaggi famosi del mondo musicale ? ( Metal ovviamente )
Silvia Mazzoleni: Purtoppo no, non mi è mai capitato..

R&MIMB: Parlaci della tua evoluzione come artista del tuo studio.
Silvia Mazzoleni: Ho iniziato da autodidatta a casa, avevo una miriade di pelli di maiale tatuate in frigorifero.. una puzza!!!!! Ma servivano un sacco per far pratica. Nel 2010 aprii il mio studio di tatuaggi, lo "031 Tattoo Shop" ad Arosio; avevo poca esperienza ma con l'aiuto di Boris (già intervistato all'interno della nostra rubrica, ndr), che mi portava in giro per le convention riuscivo a "rubare" un po' di informazioni per migliorarmi sempre di più. Gli devo molto, è stata dura farsi strada, soprattutto perché i novellini non son visti di buon occhio.. ma adesso sono contenta di dove sono arrivata, anche se la strada è ancora lunga.

R&MIMB: Descrivi in breve il tuo approccio alla musica da quando l'hai ascoltata per la prima volta fino all'ultimo CD che hai acquistato.
Silvia Mazzoleni: Fin da piccola mio padre mi faceva ascoltare i Queen e gli Ac/Dc, i vinili che tanto giravano nel giradischi erano consumati! L'ultimo cd che ho acquistato è stato "Sonic Highways" dei Foo Fighters.

R&MIMB: Band preferita e genere preferito.
Silvia Mazzoleni: Indubbiamente i Foo Fighers! Ma spazio dai Korn agli Slipknot, Rammstein, Placebo, Black Label Society , Black Stone Cherry, Creed.. ce ne sono troppi.

R&MIMB: Oltre al Rock/Metal quale altro genere ti piace ascoltare ?
Silvia Mazzoleni: Mi piacciono parecchio gruppi come i Massive Attack e i Bloody Beetroots.

R&MIMB: Qual'è la cosa che Odi di più tatuare e perché ?
Silvia Mazzoleni: La cosa che odio di più tatuare sono quei "simbolini" che son molto gettonati e che la gente crede di aver come pezzo "unico".. ed invece INFINITE persone lo hanno a loro volta!

R&MIMB: Potendo scegliere quale musicista ti piacerebbe tatuare, e perché ?
Silvia Mazzoleni: Mi piacerebbe tatuare Dave Grohl, a parte il fatto di aver una smisurata passione per lui, lo trovo un grande artista a 360°. Mi piacerebbe sentire tutte le sue strane storie di quando era nei Nirvana, e sapere di tutte le varie collaborazioni che ha fatto durante tutta la sua carriera.

R&MIMB: Il concerto migliore che hai visto finora.
Silvia Mazzoleni: Sicuramente quello dei Rammstein.. uno spettacolo pirotecnico da paura!!! Fuoco e fiamme ovunque!!!! Di sicuro da andare a rivedere!!!!

R&MIMB: Puoi salvare solo tre album della tua collezione, quali scegli e perché ?
Silvia Mazzoleni: Aiuto, sono troppo pochi! L'omonimo album dei Korn del 1994, "Wasting Light" dei Foo Fighters e "Portrait of an American Family" di Marilyn Manson (penso di averlo ascoltato un milione di volte).. comunque ce ne sarebbero tanti altri da aggiungere!

R&MIMB: Le Tre cose del tuo lavoro di Tatuatrice che salveresti per tramandare questa professione ai posteri ( sono escluse le macchinette e le attrezzature ovviamente ), quali sono e perché ?
Silvia Mazzoleni: Come primissima cosa tramanderei la pazienza, a volte ne serve davvero molta! La seconda è sicuramente l'igiene, tatuare in sicurezza è una cosa importantissima sia per noi stessi che per i clienti, e come terza la curiosità di sperimentare, studiare, e non fermarsi mai.. continuare ad evolversi per creare delle vere opere d'arte! Non dirsi mai che si è arrivarti come artisti, mai.


R&MIMB: Per finire puoi lasciare un messaggio ai nostri lettori legato alla tua attività, cosa vuoi dire?
Silvia Mazzoleni: Fare il tatuatore non è semplice, soprattutto per chi come me non lo fa da 20 anni. Cerco di esprimermi sempre al meglio, sia che io debba fare una piccola stellina sia che debba fare un braccio intero a colori.. è una grande passione che spero continui più in là possibile nel tempo.