PRIME EVIL

INTERVISTA

A CURA DI R&MIMB

10/11/2015

Dopo una lunga assenza dalle scene, i Prime Evil ritornano più aggressivi e carichi che mai con il loro nuovo album, "Blood Curse Resurrection", pubblicato il 20 giugno 2015. A capitanare lo storico gruppo che ha condiviso i grandi palchi con artisti quali: Death, Dark Angel, Morbid Angel e Sepultura, ci sono due dei fondatori, Andy Eichhorn, alla voce e Mike Usifer, alla chitarra (ex chitarrista solista dei Demolition Hammer), con cui abbiamo fatto quattro chiacchiere riguardo al presente e al passato. Venite con noi a conoscere meglio le "Bestie del circuito metal underground di New York"!

R&MIMB: Ciao ragazzi e benvenuti su R&MIMB! Allora, il vostro moniker è anche il nome di un album dei Venom. Coincidenza o scelta?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): In verità, i Venom hanno scelto noi. Abbiamo iniziato a usare il nome "Prime Evil" nel 1985, dopo aver chiamato così una canzone che scrissi. A Tony Dolan piacque così tanto il nome da confessare di usarlo come "ispirazione" per il nome di un album, durante il suo breve periodo con i Venom nei primi anni '90. Pochi anni fa siamo stati coinvolti in una breve battaglia legale con Mantas e Dolan sull'uso del nome, dopo che tentarono di formare una band usando il moniker PrimeEvil. Morale della favola, abbiamo tenuto il marchio e il nome e tutte le questioni legali si sono sistemate.

R&MIMB: Dai primi anni '90 fino al 2012 non è stato pubblicato nuovo materiale. Nel 2015, avete realizzato "Blood Curse Resurrection". A cosa vi siete dedicati in questi anni?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Vari membri del gruppo si sono dedicati ad altri progetti, hanno terminato gli studi, alcuni si sono sposati e hanno avuti figli e via dicendo. Nel 2011 abbiamo fatto una reunion esibendoci con la nostra line-up dall'88 al '90 ed è stata ben accolta. Alcuni dei membri erano impossibilitati, nel continuare, a causa della famiglia e degli impegni di lavoro, così io e Mike decidemmo, ancora una volta, di andare avanti e continuare con l'impegno preso. Nel 2012, abbiamo realizzato l'EP "EVILUTION", seguito da un mini tour nel 2013. E' stato un onore tornare a suonare live, ci siamo divertiti tantissimo e non vediamo l'ora di rifarlo!

R&MIMB: Qual è l'obiettivo del vostro album? Volete semplicemente suonare Heavy/Brutal o avete qualche messaggio da portare con la vostra musica?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Il nuovo lavoro può essere considerato come un concept album. Tutte le canzoni analizzano aspetti diversi del vero male nel mondo? Il genere umano. Siamo sempre stati una band aggressiva e questi pezzi sono stati concepiti come conseguenza della rabbia e disgusto comune verso gli smidollati che popolano questo pianeta.
: MIKE (chitarre): Andy è quello che ha il maggior numero di idee sui testi. Io voglio solamente scrivere, suonare del Brutal Heavy Metal. Dell'aggressivo, veloce, e violento Metal.


R&MIMB: Ogni canzone, nell'album, tratta elementi diversi nonostante i temi dei testi siano simili. Potreste parlarci del concept dell'album?
PRIME EVIL: : MIKE (chitarre): In sostanza la risposta è già stata fornita da Andy precedentemente. Riguarda l'Inferno sulla Terra in cui attualmente viviamo?

R&MIMB: Leggendo i testi, ci rendiamo subito conto che mostrano una profonda conoscenza della religione. C'è qualcuno, tra voi, particolarmente appassionato sul tema? Chi scrive di solito i testi?
PRIME EVIL: : MIKE (chitarre): Andy Eichhorn scrive la maggior parte dei testi e di tanto in tanto anche io lo faccio. Personalmente non riesco a sopportare la religione e non voglio averci niente a che fare. Tutto ciò che ho scritto è autobiografico.
: ANDY (voce): Ovviamente noi vediamo l'influsso negativo e l'oppressione che il potere sovversivo ha causato nel corso degli anni. Di certo, la religione ha qualche messaggio positivo. E' prima di tutto la perversione umana e l'ignoranza diffusa, che prendiamo in giro.


R&MIMB: In "Cannibal God" la descrizione dei demoni ci ricorda "Paradise Lost" di John Milton. Vi siete ispirati a questo?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): E' davvero un bel paragone, però no, nessuna influenza. Osservando le innumerevoli discrepanze all'interno delle cosiddette "organizzazioni sacre", pare che esse trovino giovamento nel pontificare eternamente. I testi alludono all'immagine di un Dio insensibile e divoratore che alla fine non sopporterà se stesso o le sue creazioni.

R&MIMB: Leggendo il testo di "Horns of Rapture" abbiamo notato che alcune delle immagine descritte corrispondono a quelle della copertina dell'album. Secondo voi quali sono le tribolazioni di questa vita terrena?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Durante la storia ci sono stati innumerevoli sacrifici e rituali con lo scopo di ottenere la benevolenza del proprio Dio. Purtroppo, sembra che l'uomo inventi, ogni secolo, una nuova serie di orrori e tribolazioni che le masse devono sopportare.

R&MIMB: Riguardo la religione, ci sono molti musicisti, i quali hanno scritto testi considerati "blasfemi", che in verità nascondono una fede fervente. Voi credete in qualcosa?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Parlando per me, io ho frequentato una scuola Cattolica e questo mi ha portato ad avere una visione amara e scettica della religione. Tutto ciò che posso dire è che, la comprensione da parte dell'uomo riguardo il suo posto nell'Universo, non troverà ancora risposta per millenni. Comunque, capisco il bisogno delle persone di credere in qualcosa più grande di loro stessi.
: MIKE (chitarre): Io penso che la religione sia una barzelletta. Semplici fantasie basate su favolette, diffuse per controllare le masse. Credo nella terra, nella natura, in me stesso. Credo nella realtà e nella sostanza.


R&MIMB: Di solito, come avviene il processo di composizione di nuovi pezzi?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Qualcuno porta qualche riff o qualche idea ancora grezza durante le prove. Molte volte Mike mi invia per e-mail delle idee su un riff. Creiamo la struttura di una canzone e la registriamo di modo che tutti i membri possano portarsela a casa. Nel momento in cui ascolto la canzone, ottenuta come risultato dell'insieme dei vari pezzi, provo emozioni e stati d'animo. Allora, creo testi che stiano bene con ciò che ho sentito.
: MIKE (chitarre): Per me, di solito tutto inizia con un riff o una idea. Ai vecchi tempi solevo scrivere quasi tutto. Adesso, con Andy che scrive sia musica che testi e, con le abilità di scrittura di Rob e Billy, non sono più obbligato a farlo. Se mi sento bloccato su una canzone, o se ho solo un riff o due, posso proporlo a tutti in modo da lavorarci su, insieme. Penso che le nostre canzoni siano scritte meglio ora di un tempo perché, nel processo, partecipano le idee di tutti.


R&MIMB: Mike Usifer ha registrato questo album, quindi ha avuto un ruolo principale. Pensate che sia importante per una band, oggigiorno, avere almeno un membro del gruppo che sia anche un tecnico del suono?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Di questi tempo è quasi una necessità avere qualcuno che possa agevolare la fusione tra creatività e tecnica. E' fantastico trovarsi in sala prove ed improvvisare ma la tecnologia digitale è uno strumento grandioso, molto utile per creare musica.
: MIKE (chitarre): Credo che volere sapere come trasferire la propria musica dal live ad una registrazione sia qualcosa che moltissimi musicisti vorrebbero saper fare. Sin dalla prima volta che abbiamo messo piede in studio, nel 1986, ho voluto imparare qualsiasi cosa riguardo l'ingegneria del suono, le registrazioni, il mixaggio, l'editing e la masterizzazione. Volevo capire in che modo potevamo ottenere il sound che volevamo registrare. Ho sempre odiato essere alle dipendenze di altri ingegneri che cercavano di trasporre ciò che volevamo. Così, lo scorso anno, ho costruito il mio personale studio di registrazione e ho potuto registrare 'Blood Curse Resurrection' ed avvicinarmi moltissimo al risultato che volevamo ottenere.


R&MIMB: La vostra musica possiede una solida base Thrash/Death old school mista ad influenze Groove Thrash/ Black Metal. Queste influenze derivano dalla vostra esperienza in quanto musicisti o semplicemente vi piacciono perché ascoltate i vari generi?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Siamo sempre stati prima dei fan! Abbiamo creato questa band perché eravamo grandissimi fan della rigogliosa scena Thrash/Hardcore e lo siamo tutt'ora. Noi, in quanto band, siamo orgogliosi di poter contribuire alla scena underground sin dalla metà degli anni '80. Continuiamo a supportarla ed è grandioso vedere sia vecchie che nuove facce nei locali in cui si suona metal, nell'area di New York!
: MIKE (chitarre): Noi siamo fan di tutti i tipi di Metal: Death, Black, Speed, Thrash, Doom, Grind, Extreme, Brutal, oltre al New York Hardcore di vecchio stampo. Tutto ciò che ascoltiamo ci influenza come musicisti, quindi, non è una sorpresa ritrovarli nella nostra musica.


R&MIMB: La vostra carriera ha profonde radici nella storia del Metal. Cosa pensate della scena attuale?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Siamo molto lieti che venga riconosciuta sempre più come una eterna forza nella musica! Rispetto le giovani band che spaccano i culi e portano avanti la causa. Comunque sia, la musica estrema sarà sempre di nicchia e mi va bene così.
: MIKE (chitarre): Io penso che la scena stia prosperando ora come non mai. Pare che ogni band degli anni '80 e '90 (inclusi noi stessi!) abbiano fatto un ritorno di scena e siano più forti che mai. Ci sono una montagna di nuovi gruppi che fanno buona musica e che tengono alto il livello della scena.


R&MIMB: Cosa pensate riguardo al futuro del metal? Come immaginate che si possa evolvere?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Domanda molto interessante. Ci vorranno innovazione e talento musicale affinché raggiunga una solida longevità. Ho fiducia nelle persone che ci sono là fuori o che ancora devono venire. Il futuro del Metal splende luminoso!
: MIKE (chitarre): Una cosa fantastica del Metal è il fatto che sia in continua evoluzione (a differenza della maggioranza degli altri generi) e stia diventando sempre più pesante, veloce e interessante. Ci sono una miriade di metal band là fuori, che fanno della incredibile musica, quindi è destinato a durare per un bel po'.


R&MIMB: L'esperienza di Mike Usifer e Andy Eichhorn è un dato di fatto, per cui, la domanda è indirizzata a voi: potete dare qualche consiglio soprattutto alle nuove leve che vogliono suonare Metal?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Imparate a conoscere il vostro strumento e suonate ciò che vi sentite, non quello che gli altri vogliono che voi suoniate. Ascoltate più generi differenti che potete, non solo Metal. C'è una notevole varietà musicale che potrà stimolare quelli che saranno dei futuri innovatori del Metal.
: MIKE (chitarre): Seguite il consiglio di Andy, poi: praticate, praticate e ancora praticate, per vostro conto. Poi, provate, provate e provate insieme alla band. Ripetete questi due passaggi ancora e ancora, per sempre.



R&MIMB: Che ruolo ha la musica Metal estrema, nella vostra vita quotidiana?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Praticamente mi guida in ogni passo della mia vita. O su CD o suonando nella mia testa? il Metal è una forza vitale.
: MIKE (chitarre): La suono, la scrivo, la ascolto, la registro, la mixo, la edito e la produco. La respiro, la trasudo e la trasmetto? La vivo.


R&MIMB: Avete in programma un tour per promuovere il vostro album, in special modo fuori dagli USA?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): Siamo molto ansiosi di viaggiare all'estero e di poterci esibire uno di questi giorni. Comunque sia per ora è più realistico parlare di promozione online ed attraverso i media.

R&MIMB: Vi salutiamo augurandovi successo per il vostro album. Potreste salutare gli amici italiani che seguono R&MIMB e affermare questa frase in poche parole: "La musica è una ragione di vita"?
PRIME EVIL: : ANDY (voce): C'è un indescrivibile sentimento per la musica che scorre letteralmente nelle vostre vene! La musica è un' innegabile essenza di vita! Grazie! Corna in alto in segno di rispetto! Onorati di essere stati intervistati.
: MIKE (chitarre): La musica è la mia ragione di vita perché mi ispira di continuo e mi permette di sopravvivere ogni giorno, soprattutto, nei momenti duri. Inoltre mi appaga e soddisfa la mia rabbia omicida. Ciao!





(Intervista realizzata da Paolo Ferrante e Zuleika Cirio)