POKERFACE

INTERVISTA

A CURA DI R&MIMB

30/12/2015

Nel 2013, cinque ragazzi, capitanati da una giovane donna, si ritrovano in una delle ordinarie gelide giornate di Mosca. Ma loro non hanno freddo, hanno molto caldo e sono pronti a infuocare tutto e tutti. La band, fin dall'inizio, ha intenzione di crescere e varcare i confini di un mondo che ci appare distante nel tempo e nello spazio, ricordandoci che anche la Russia merita un occhio di riguardo in ambito Metal. Hanno condiviso i grandi palchi con band del calibro di Megadeth, Annihilator, Kreator, Overkill, Vader, Children of Bodom e Sepultura. E noi non abbiamo saputo resistere a tutta questa potenza incontrollabile e abbiamo fatto quattro chiacchiere con loro. Venite con noi a conoscere meglio i POKERFACE!

R&MIMB: Ciao ragazzi e benvenuti su Rock & Metal In My Blood! Partiamo subito da una domanda classica ma sempre curiosa: spiegateci la genesi e il significato del vostro nome.
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Si, è una domanda classica. Nel 2013 suonavamo generi differenti: Hard Rock, Metal, Proto-Metal? Eravamo alla ricerca del nostro stile. Suonavamo molto spesso i Motörhead, soprattutto "Iron Fist", "Orgasmatron", e "Ace of Spades", quando ci è venuto in mente che "Ace of Spades" poteva essere un buon prototipo di nome per la band. O magari POKERFACE? E' abbastanza inusuale per una band Thrash/Death Metal. Non è spaventoso ma divertente. E' così particolare, vero?
Nel 2014, Delirium (una giovane ragazza con una voce estrema) si è unita a noi. Abbiamo cambiato sound, dirigendoci verso il Thrash-Death e ora siamo certi che POKERFACE sia un buon nome per noi, fantastico e divertente.


R&MIMB: Parliamo, ora, del vostro ultimo lavoro, "Divide and Rule", rilasciato nel Settembre 2015. Come è stato concepito e com'è nata in voi la volontà di farlo suonare così potente e diretto?
POKERFACE: : NICK (Chitarra): Quasi ogni canzone è stata scritta durante le prove. Il nostro precedente chitarrista, Dietrich, ha scritto tre canzoni per questo album, lasciando poi la band nel novembre 2014. Allora ho cominciato io a scrivere la musica e DedMoroz (basso) ha iniziato a scrivere i testi per nuovo materiale.

R&MIMB: Il disco riporta in auge un passato glorioso. E' vostra intenzione, con il vostro sound, ricordare a tutti che la vecchia scuola è ancora viva e che soprattutto trova terreno fertile nei giovani?
POKERFACE: : NICK (Chitarra): Ci piace solamente suonare seguendo la vecchia scuola, perché la velocità, i volume alti, l'aggressività Provengono dalle nostre anime.

R&MIMB: La copertina di "Divide And Rule" è molto provocatoria. Potete spiegarci meglio che cosa rappresenta?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): E' una piccola copia che proviene da un quadro reale a colori (l'artista è Svetlana Golikova). Proverò a raccontarvi un paio di storielle riguardo al quadro. Uno: Per molto tempo diversi leader, uno alla volta, volevano ottenere il pieno potere. Erano sicuri delle loro idee e ideali di felicità. Ma tutto ciò che ottennero furono sangue, terrore, dolore, orrore. Il ritratto dice: non essere pazzo, non giocare con Satana, hai già perso. Due: Se vuoi cambiare qualcosa, devi avere dei buoni amici. Dovete colpire insieme, non giocare da soli. Ma se vuoi comandare qualcosa , allora devi spartire l'oggetto del potere e dominare!

R&MIMB: A livello di testi, si nota come gli argomenti principali siano sostanzialmente il Male e la follia umana. Ma cos'è per voi, il "Male"? Dove possiamo trovarlo?
POKERFACE: : DEDMOROZ (Basso): In verità in ogni canzone è nascosto un diverso significato di "male". Per esempio, ci sono i dittatori e gli oppressori nelle canzoni "All is lie" e "Divide and Rule", e in "Existence", il male diventa il tuo alleato contro tutto. Nella canzone "Into the Inferno" appare come una specie di testimone imparziale. Se dovessi dire qualcosa riguardo l'idea che ho del male? Direi che potrebbe assumere forme differenti. Qualche volta è tuo nemico, qualche volta sta invece dalla tua parte. Tutto dipende dal punto di vista. E come hai ben notato, abbiamo proprio una canzone riguardo la pazzia umana, "Human Control".

R&MIMB: In "The Chessboard Killer" affrontate un tema spinoso e molto particolare, quello dei Serial Killer. Cosa vi ha colpito di quella storia, tanto da volerla rappresentare in musica?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Si, è una terribile storia vera riguardo un killer di Mosca (Alexander Pushkin). L'autore della canzone è stato l'ex leader dei POKERFACE. Era rimasto impressionato dal resoconto della polizia. Pensava fosse una buona idea scriverci su una canzone. Noi non celebriamo nessun maniaco o assassino. Assolutamente no. Ma questo cattivo ragazzo è parte del nostro ambiente ed è veramente pericoloso e raccapricciante.

R&MIMB: Come avviene la composizione dei vostri pezzi, sia musicalmente che testualmente?
POKERFACE: : NICK (Chitarra): Quando ho dovuto scrivere le canzoni per questo album, ho bevuto parecchio caffè e bevande energetiche, guardando la mia chitarra e pensando a cosa potevo comporre. Alla fine, il brano nasceva dopo 5-10 minuti.
: DEDMOROZ (Basso): Quando la struttura musicale della canzone sembra completata, inizio a cantarla a me stesso ogni giorno e così nascono delle nuove parti nella mia testa, che possono essere singole parole, frasi o delle parti più complesse. Poi arriva il titolo e dopo inizio a scrivere i testi per la canzone intera.


R&MIMB: Nel vostro gruppo è presente una ragazza, Delirium. La scelta di una voce femminile è stata premeditata o è maturata man mano che la line up andava definendosi?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Bella domanda. Non è stato pre premeditato. Abbiamo suonato con diversi cantanti maschili sullo stile Punk e Hair Metal. Suonavamo senza concentrarci sulla voce. Dietrich cercava di cantare mentre suonava la chitarra. Sfortunatamente non riuscivamo a trovare qualcuno abbastanza serio e talentuoso per noi. Siamo stati costretti a provare una voce femminile. Delirium era il meglio. Davvero il meglio. E' una persona molto organizzata e con una dedizione e voglia di collaborare inusuali, per una ragazza.

R&MIMB: Questa domanda è dedicata proprio a Delirium: come ti sei avvicinata a questo tipo di canto? Chi sono le tue muse ispiratrici?
POKERFACE: : DELIRIUM TREMENS (voce): E' abbastanza banale la cosa . Vidi un video degli Arch Enemy e decisi di voler cantare in quel modo. Ma dato che ai tempi su Internet non esisteva nulla riguardo le tecniche da usare, semplicemente provavo a ripetere ciò che sentivo. Quando presi fiducia in me stessa, feci un provino con i POKERFACE (e prima di loro, anche con altri gruppi che ora non esistono più) e ha funzionato alla grande!

R&MIMB: Alcune band sono ancora un po' scettiche sul fatto che una donna sia alla voce. Cosa vorreste dire a questi musicisti per far cambiare loro idea?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Dico che i tempi sono cambiati e il numero di voci femminili sta crescendo enormemente. Incredibile. Oggigiorno abbiamo una vastissima scena incentrata su band, su tour e su magnifici festival metal solo al femminile. Stanno aumentando notevolmente e questo è il migliore esempio di emancipazione.

R&MIMB: Quando è nata la vostra passione per il Metal Estremo? E quali band considerate come fondamentali per la vostra evoluzione in questo senso?
POKERFACE: : NICK (Chitarra): Mio padre mi dice sempre che ho cominciato ad ascoltare i Metallica e i Judas Priest prima ancora di nascere!! Ascolto Metal da tutta la mia vita e ho deciso di diventare musicista e suonare la chitarra quando ho ascoltato il primo album dei Megadeth, "Killing Is My Business".
: DOCTOR (Batteria): La mia prima audiocassetta "Metal" è stata degli Scorpions, "Face The Heat". Pensai "Oh mio Dio! E' così figo e pesante! E non è Boney M!" Più tardi comprai cassette dei Metallica e dei Manowar e pensai: "C'è qualcosa di più pesante?" Allora comprai qualcosa dei Sodom e degli Overkill. E la mia vita cambiò. Le mie band preferite sono: Kreator, Sepultura, Sodom, Slayer. Le band della mia gioventù.
: DEDMOROZ (Basso): Ho iniziato ad ascoltare il Metal grazie alla band "In This Moment". Amavo la loro cover di Blondie, "Call Me". Da quel momento, ho iniziato ad imparare a suonare la chitarra e ad ascoltare sempre più band Metal diverse, in particolare Avenged Sevenfold e Children of Bodom. Poi ho scoperto band con voci femminili, come Nigthwish, Evanescense e, ovviamente, Arch Enemy.
: DELIRIUM TREMENS (voce): Ho iniziato ad ascoltare Metal estremo a 14 anni. All'inizio, ascoltavo solo Melodic Death Metal (Arch Enemy, Children of Bodom), e Thrash Metal (Sepultura, Kreator, Sodom), poi anche Black Metal, Metalcore, Deathcore and etc.
: MANIAC (Chitarra): Fino ad un certo punto della mia vita, ho ascoltato Metal senza grande entusiasmo. A 13 anni, vidi un DVD dei Children Of Bodom che mi ha colpito e motivato a suonare la chitarra. Da allora, ho ascoltato moltissime band, ma non posso sceglierne una come preferita? Sono tutte quante le mie preferite!!

R&MIMB: Benché giovani, avete già condiviso il palco con dei mostri sacri del Thrash e del Death. Con quale di queste band vi siete trovati più in sintonia e perché? Con chi altro vi piacerebbe poter suonare?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Amiamo moltissimo I Kreator. Soprattutto i musicisti: persone molto tranquille e amichevoli. Sogniamo un tour insieme a loro. Ma ci siamo anche divertiti con lo staff dei Sepultura, gente socievole e collaborativa. (Rogerio, Dio ti benedica!)
: DEDMOROZ (Basso): Mi piacerebbe suonare con gli Arch Enemy su un palco.

R&MIMB: Cosa avete imparato da queste esperienze? C'è un concerto che vorresti ripetere?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Abbiamo condiviso il palco con band professioniste e ovviamente c'erano molte cose da imparare. Com'è organizzato il soundcheck? Che drum set utilizza il batterista dei Sepoltura? Chi controlla le accordature della chitarra? Etc. Nei concerti cercavamo di ricordare i trucchi dei musicisti e le coreografie.
Il concerto più bello è stato a Minsk, con i Sodom. Incredibile reazione dei metallari: tuffi dal palco, pogo e follia collettiva.

R&MIMB: Parliamo della vostra scena: come veniva vissuto nella Russia degli anni '80 il Metal e come si vive ora? E' difficile emergere dai vostri confini?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): C'erano band Metal negli anni '80. I musicisti sovietici credevano nel futuro del Metal. La democrazia stava crescendo. La musica straniera venne presto legalizzata, soprattutto il Thrash/Death Metal. Ma improvvisamente, i politici definirono la musica estrema come "nazista, fascista", "musica di una cultura sbagliata". E l'evoluzione del Metal fu momentaneamente fermata. Sembrava una prigione ideologica. Un grande numero di band Metal si sciolse. Cosa potevano fare senza un futuro? E' molto dura suonare nel mondo underground? Nessun soldo, nessuna pubblicazione e nessun concerto.
Ora la situazione non è così male ma sta cambiando di nuovo. La Chiesa, i patrioti, la crisi economica, l'isolamento politico? Queste cose non vanno bene per un progresso culturale, nella musica come nella pittura o letteratura. E non abbiamo scelta. Stiamo cercando di varcare i confini. Il Metal russo merita un'opportunità!

R&MIMB: Ci potreste indicare almeno una band emergente di vostri connazionali che considerate particolarmente meritevole?
POKERFACE: : DEDMOROZ (Basso): Ci sono parecchie buone band emergenti in Russia e non posso nominarne sola una. Comunque se provassi a farlo, impiegherei troppo tempo. Ma posso indicarne qualcuna, secondo i miei gusti: Simful, Arcanorum Astrum, Feelament.

R&MIMB: Avete in programma qualche tour fuori dalla Russia? Vi piacerebbe poter suonare in qualche paese specifico?
POKERFACE: : DEDMOROZ (Basso): Abbiamo fatto un tour nei Balcani con la band "Thy Disease" nell'Ottobre 2015. E' stata una bella esperienza (anche perchè ora sappiamo come funzionano queste cose). Ci piacerebbe di certo ripetere l'esperienza e suonare in stati in cui non l'abbiamo mai fatto, come Germania, Francia, Austria?

R&MIMB: Per quanto riguarda i progetti futuri, quando potremo ascoltare il successore di "Divide and Rule"? Seguirà le orme di suo "fratello" o magari oserete verso altri lidi?
POKERFACE: : NICK (Chitarra): Nel nuovo album ci sarà una lenta composizione dark nello stile di "South Of Heaven" e "Seasons In The Abyss" degli Slayer, e probabilmente, una cover di qualcosa di famoso e assolutamente non Metal. Il resto dei brani saranno un po' più lunghi, più meditati, e ancora più veloci e folli. Abbiamo ottenuto il loro suono distintivo impegnandoci al massimo.
: DEDMOROZ (Basso): Dopo le vacanze dei nuovo anno, abbiamo intenzione di prenderci un periodo di pausa per concentrarci nel creare nuove canzoni e registrazioni. Abbiamo già qualche canzone e bozza complete. Penso che potrete assistere all'uscita del nuovo album per la fine dell'estate 2016.


R&MIMB: Ragazzi, la nostra intervista è arrivata al termine. E' stato un piacere, per noi e vi auguriamo un glorioso futuro con il vostro "Divide And Rule"! Ma prima potreste salutare i vostri fan italiani di R&MIMB e dirci in poche parole cosa vorreste trasmettere con la vostra musica?
POKERFACE: : DOCTOR (Batteria): Grazie per averci dato la possibilità di dire qualcosa su di noi e sulla nostra musica. E' un ottimo esempio di condivisione globale sul Metal. Grazie gente!
Direi: Credi in te stesso, non arrenderti mai. Se la strada si fa dura, muoviti a piccoli passi ma muoviti. Passo dopo passo riuscirai e raggiungere il tuo obiettivo: "Don't Stop, DivideAndRule! Metal Forever!"




Intervista realizzata da Marek e Zuleika Cirio